03.02.2023 - 04.02.2023 / 18:00H / Kazalište Antonio Gandusio
03.02.2023 - 04.02.2023 / 20:00H / Kazalište Antonio Gandusio
04.02.2023 / 11:00 h / 11:00H / Kazalište Antonio Gandusio
07.02.2023 - 08.02.2023 / 18:30H / Kazalište Antonio Gandusio
07.02.2023 - 08.02.2023 / 20:00H / Kazalište Antonio Gandusio
09.02.2023 - 11.02.2023 / 18:00H / Kazalište Antonio Gandusio
09.02.2023 - 11.02.2023 / 20:00H / Kazalište Antonio Gandusio
11.02.2023 / 10:00 h / 10:00H / Grad
Koncerti

Progetto:
La storia musicale istriana: retaggio dei legami con la Serenissima
Evento inaugurale – Rovigno, 12 settembre 2022:
La musica in Istria dal tempo della Serenissima
Nell’accogliente sala del Centro Multimediale di Rovigno, alla presenza di autorità locali e di un folto pubblico, si è svolto lunedì 12 settembre con inizio alle 20.00 l’evento inaugurale del progetto, con interventi illustrativi ed esecuzione di brani musicali rappresentativi di alcuni dei compositori cui si deve il ricco patrimonio storico-musicale dell’Istria con le sue contaminazioni e interrelazioni nella macroregione altoadriatica.

Aleksandra Golojka, musicologa, professoressa di pianoforte e responsabile scientifico del progetto, ha tratteggiato quindi le figure di alcuni dei compositori oggetto di studio, alternando brevi illustrazioni al microfono nelle due lingue di lavoro con esecuzioni al pianoforte, accompagnata per il brano di Smareglia dalla pianista Jadranka Celić Bernaz e affiancata, per le musiche più antiche, dalle flautiste Samanta Stell e Nataša Dragun.

Sono stati presentati: Andrea Antico da Montona (nato nel 1470), il primo prolifico compositore istriano documentato; Francesco Sponga-Usper (Rovigno 1561, Venezia 1641); Giuseppe Tartini (Pirano 1692, Padova 1770), senza dubbio il più importante e conosciuto a livello mondiale; Stefano Rota (1824-1916), ultimo discendente del ramo piranese dei conti di Momiano e nipote della nobile veneziana Agnese Negri, curatore dell’Archivio civico di Pirano, scoperto da poco quale appassionato musicista; infine Antonio Smareglia (Pola 1854, Grado 1929), noto autore di opere musicali ispirate a momenti di vita istriana e al suo folclore.
* * *
Progetto

La storia musicale istriana, retaggio dei legami con la Serenissima

Ruolo dei partner

L’Orchestra Regionale Filarmonia Veneta, nel quadro delle proprie competenze statutarie, parteciperà alla ricerca coadiuvando il Capofila (UPAR) e gli altri partner nell’individuazione e nella selezione delle fonti nel Veneto, nella divulgazione del progetto e dei relativi output. Includerà nella programmazione di primavera 2023 a Treviso un evento / concerto commentato, incentrato sugli autori oggetto della ricerca e sulla presentazione del volume illustrativo
La Comunità degli Italiani di Rovigno renderà partecipi i propri soci e le comunità consorelle nell’area istriana sui contenuti del progetto, diffonderà locandine-invito per gli eventi pubblici previsti; distribuirà infine copie della pubblicazione scientifica e del CD musicale;
La Società Croata degli Artisti Musicali (HDGU) collaborerà con il Capofila nella ricerca e nello studio delle fonti, nella stesura del testo descrittivo in italiano e in croato, nell’organizzazione degli eventi (concerti commentati) a Rovigno, Pola e Parenzo, nella diffusione degli inviti e dei programmi agli associati. Collaborerà infine alla diffusione degli output previsti dal progetto.
L’Associazione per la salvaguardia della memoria dei compositori istriani (ASMCI), con sede a Pola, parteciperà a sua volta alla ricerca e alla selezione delle fonti locali coadiuvando il Capofila nell’elaborazione della pubblicazione scientifica, dei programmi per le lezioni-concerto e degli altri output progettuali, diffondendo notizie ai propri associati.
La Comunità degli Italiani di Parenzo coadiuverà il Capofila con propri esperti nella ricerca musicologica riferita al periodo medievale, rilevante per gli obiettivi del progetto; co-organizzerà un evento pubblico (lezione-concerto) nella propria sede a Parenzo; parteciperà alle iniziative di comunicazione giornalistica e radiotelevisiva, nonché alla diffusione degli output del progetto.

 

Informazioni: 

Partner